Risparmio fiscale 2013 – Checklist per le imprese

Consigli fiscali per le imprese

Ottimizzazione della fascia di utile esente da imposte

Attraverso l'utilizzo della parte di utile non imponibile è possibile fruire dell’agevolazione fiscale di esclusione da tassazione di una parte dell’utile pari ad un ammontare massimo del 13%. Tale agevolazione per redditi fino ad Euro 30.000,00, è automatica. Per quanto riguarda fasce di utili superiori ad Euro 30.000,00 sono necessari investimenti in immobilizzazioni materiali o titoli finanziari da effettuarsi prima del 31.12.2013.
Mentre nel 2012 sussisteva la possibilità di sottrarre alla tassazione il 13% dell’utile fino ad un utile realizzato di Euro 769.000,00, a partire dal 2013 (fino al 2016) c’è una riduzione dell’agevolazione fiscale e sarà utilizzabile solamente per un ammontare ridotto: fino ad un utile di Euro 175.000,00 la quota esente potrà ammontare al 13% di tale importo, per gli importi superiori ad Euro 175.000,00 e inferiori ad Euro 230.000,00, la quota si riduce al 7%, per gli ulteriori Euro 230.000,00 la percentuale è del 4,5%. Quindi nel 2013 l’importo massimo degli utili esenti utilizzabili per l’agevolazione fiscale in esame, precedentemente fissato per un importo pari ad Euro 100.000,00 annuo, è stato ridotto ad Euro 45.350,00.

Spostamento da un anno all'altro del carico fiscale ottimizzando l’utilizzo del principio di cassa
La determinazione del reddito ai sensi del § 4 comma 3 EStG prevede il principio di cassa nella determinazione dell’utile da tassare. Quindi con anticipazioni o posticipazioni di pagamenti delle spese o ricavi possono influenzare l’utile di esercizio spostando l’utile stesso da un esercizio all’altro.
Di questa opportunità bisogna tenere conto anche in relazione alle limitazioni introdotte per quanto concerne la fascia di utile esente da imposta (si veda sopra).
Anticipi nei confronti di istituti di contribuzione e sicurezza sociale per contributi dovuti per l'anno sono deducibili come costi nei limiti del saldo ragionevolmente dovuto.

Investimenti in beni strumentali
Per persone fisiche e società di persone sussiste la possibilità di trasferire a seguito dell’alienazione di immobilizzazioni le plusvalenze realizzate su nuovi beni strumentali sostitutivi ovvero trasferirle ad apposita riserva non tassata per investimenti da effettuarsi l’anno successivo.

Rispetto del limite di fatturato per le imprese di piccola dimensione ai fini IVA
Il limite per le imprese di piccola dimensione è attualmente pari ad Euro 30.000,00 l'anno, da intendersi come limite al netto dell'IVA; ciò significa che con un’applicazione dell'aliquota del 20%, nel 2013 possono effettuarsi operazioni fino ad un valore pari ad Euro 36.000,00. Al superamento di tale limite scatterebbe l’obbligo di applicazione dell'IVA. E’ ammesso il superamento di tale limite, nell’arco di cinque anni, una volta soltanto e per non oltre il 15% del volume d’affari. Eventuali ulteriori ricavi per non superare la soglia sarebbe opportuno posticiparli al prossimo anno.

Agevolazione fiscale sulla formazione: importo figurativo o premio fiscale
Il maggior costo figurativo legato alle spese di formazione e perfezionamento professionale per i lavoratori nel 2013 è rimasto invariato ed è fissato nella misura del 20% sulle spese sostenute. In alternativa ci si può avvalere del premio fiscale, pari al 6% delle relative spese, immediatamente liquidabile non appena il credito fiscale è riconosciuto.

Agevolazione fiscale per le spese di ricerca a partire dal 2013
L’agevolazione consiste nel riconoscimento di un premio fiscale (crediti d’imposta) nella misura del 10% delle spese correlate alla ricerca, lo scopo è agevolare la ricerca e lo sviluppo sperimentale nella produzione e nei servizi. Dal 2012 per la concessione del premio fiscale per la ricerca di un importo del 10% delle spese di ricerca è indispensabile un parere o una certificazione da parte della Forschungsförderungsgesellschaft mbH (FFG).
Il limite di spese di ricerca esterna sul quale calcolare il relativo premio è pari ad Euro 1.000.000,00 (il premio annuo raggiunge quindi il massimo di Euro 100.000,00). Con riguardo ai premi per la ricerca esterna non è previsto alcun controllo successivo da parte della FFG.

Richiesta di tassazione di gruppo
Richieste per il consolidato fiscale di gruppi di società, con effetto a partire dal 2013, possono essere effettuate dalle società del gruppo, le quali chiudono l’esercizio il 31.12.2013 e la cui partecipazione sussiste durante l’intero esercizio, con la sottoscrizione entro il 31.12.2013 di apposita richiesta.

Accantonamenti per straordinari per il personale dipendente
Nell'ambito degli accantonamenti per il personale è necessario un fondo per gli straordinari dei dipendenti. A tal fine è indispensabile calcolare gli straordinari di tutti i dipendenti alla data di chiusura dell'esercizio. Allo stesso modo, tutte le ore di lavoro straordinario del mese di dicembre, che verranno regolate a gennaio, devono essere accantonate con tutte le spese accessorie. Questo può incidere sull’utile e quindi avere influenza sulle imposte da pagare.

Liberalità e donazioni
Le liberalità e donazioni nei confronti di soggetti riconosciuti sono deducibili fino al 10% dell'utile dell’esercizio precedente.
L’elenco dei soggetti riconosciuti di donazioni è stato ampliato nel 2012, con riferimento alle organizzazioni che si dedicano all'ambiente, alla tutela della natura e delle specie animali, nonché ai vigili del fuoco volontari e le relative associazioni (l'elenco attuale dei soggetti riconosciuti di donazioni si possono trovare sul sito web del Ministero delle Finanze www.bmf.gv.at).
Inoltre, erogazioni liberali e donazioni materiali in caso di catastrofi naturali sono deducibili illimitatamente, qualora queste siano collegate con aspetti promozionali.

Requisiti di conservazione per libri e registri contabili
Il periodo di sette anni riguardo l’obbligo di archiviazione per libri, elenchi, ricevute e documenti aziendali termina, con riferimento all’anno 2006, il 31.12.2013.
Vanno comunque conservati documenti in caso di un contenzioso fiscale o per una procedura giudiziaria o amministrativa in corso. Registri e documenti relativi a terreni devono essere conservati per 22 anni ai fini di un eventuale conguaglio relativo all’imposta sul valore aggiunto. In nessun caso devono essere eliminati documenti che possono essere necessari per possibili contestazioni a livello civilistico (ad es. responsabilità sul prodotto, diritto di proprietà, diritto sulla concorrenza, diritto del lavoro, ecc.).
I documenti possono anche essere archiviati in maniera elettronica se è possibile riprodurre lo stesso contenuto in maniera completa e fedele.

Rimborso sulle imposte per l’energia
Entro il 31.12.2013, per il 2008, è possibile inoltrare una richiesta di rimborso per le aziende di produzione e di servizi ad alto consumo energetico per le imposte pagate sull'energia consumata, questo permette un risparmi sul costo dell’energia.

Regali natalizi esenti da imposte
Regali riconosciuti ai dipendenti fino ad un importo massimo di Euro 186,00 all’anno non devono essere né tassati in capo al dipendente, né sottoposti a contribuzione. Il regalo può avvenire anche sotto forma di buono acquisto e monete d’oro (dove prevale il valore del metallo).

Spese per eventi aziendali
L’esenzione da imposte per spese sostenute in occasioni di eventi aziendali (ad es. cena natalizia) sussiste nella misura in cui la spesa per dipendente non superi su base annua l’importo di Euro 365,00.


Copyright 2013 © Contax WirtschaftstruehandgmbH - riproduzione riservata
 
compilato il 2.12.2013
Share
 

Altre news di CONTAX

Il registro dei beneficiari economici

In settembre 2017 è stata promulgata la legge sul registro dei beneficiari economici ("Wirtschaftliche Eigentümer Registergesetz" - WiEReG) che recepisce in Austria la IV direttiva anti ...