Sovvenzione a costi fissi fase II - modifiche secondo la linea guida del ministero

A causa del nuovo regolamento del Ministero delle Finanze e delle Direttive sulla sovvenzione a costi fissi Fase II, la cui approvazione da parte della Commissione UE è ancora in attesa di approvazione, vi sono alcune modifiche e miglioramenti rispetto alla precedente sovvenzione a costi fissi.
  • Il sostegno è concesso per i costi fissi correnti sostenuti per le attività operative nazionali che sono stati sostenuti in caso di una perdita di vendite legate alla Covid-19 di almeno il 30% (in precedenza il 40%).
  • Le richieste per la fase II sono possibili dal 16.9.2020 (1a tranche) e coprono il 50% dell'importo previsto da erogare. La seconda tranche può essere richiesta a partire dal 16.12.2020, con la quale verrà versata l'intera FKZ II non pagata. Le domande possono essere presentate fino al 31.8.2021.
  • Il contributo per i costi fissi non viene più calcolato in scaglioni come in precedenza (ad es. sussidio del 25% in caso di diminuzione del fatturato del 40%), ma su base lineare (il 35% dei costi fissi viene rimborsato in caso di perdita del 35% delle vendite). Il rimborso può arrivare fino al 100%. Il limite inferiore dell'importo della sovvenzione è di 500 euro, il limite superiore è di 5 milioni di euro.
  • Come periodo di riferimento per la domanda e la relativa diminuzione dei ricavi si può scegliere un trimestre (3° e 4° trimestre 2020 o 4° trimestre 2020 e 1° trimestre 2021) o un periodo di osservazione rapportato al mese (a partire da nove periodi mensili tra il 16.6.2020 e il 15.3.2021 devono essere selezionati fino a sei periodi di osservazione per la perdita del fatturato, che sono correlati nel tempo).
  • La definizione di costi fissi è stata estesa per includere gli ammortamenti e le spese sostenute dopo il 1° giugno 2019 e prima del 16 marzo 2020 in preparazione alla generazione di ricavi che dovrebbero essere realizzati nel periodo in esame. I canoni di leasing sono considerati interamente costi fissi (in precedenza solo la quota di finanziamento dei canoni). Questi nuovi costi fissi possono essere applicati anche retroattivamente per i periodi della fase I.
  • La remunerazione di un socio amministratore (se non assicurato ai sensi della ASVG) può essere richiesta anche come costo fisso in società con forma giuridica di società di capitali.
  • Le imprese che hanno realizzato un fatturato inferiore a 100.000 euro nell'ultimo anno valutato al momento della domanda e che rappresentano la fonte di reddito predominante dell'imprenditore possono calcolare i costi fissi in un importo forfettario.
  • Se è già stata richiesta una sovvenzione a costi fissi per la fase I, i periodi di osservazione selezionati devono essere correlati temporalmente come i periodi di osservazione della fase I.
  • Il sussidio per i costi fissi non è imponibile e, a condizione che le informazioni relative al fatturato e all'importo dei costi fissi siano corrette, non deve essere rimborsato. Il sussidio riduce tuttavia le spese deducibili per l'esercizio in questione nella misura in cui sono coperte dall'indennità per spese fisse.
  • Le aziende di nuova costituzione possono verificare la plausibilità delle perdite di fatturato attraverso un calcolo di pianificazione. Le società che sono state riorganizzate (ad esempio, una ditta individuale che è stata trasferita a una società a responsabilità limitata) basano il loro calcolo della perdita di fatturato sulla rispettiva unità economica comparabile.

Copyright 2020 © Contax WirtschaftstreuhandgmbH - riproduzione riservata
 
compilato il 6.10.2020
Share
 

Altre news di CONTAX

UPDATE PER IL LOCKDOWN

LAVORO AD ORARIO RIDOTTO: l’ufficio del lavoro lavoro austriaco (AMS) informa, che domande con un inizio durante il periodo del lockdown ...